giovedì 23 marzo 2017

Esiste un diritto di dieta vegana a scuola? Per il Tar di Bolzano pare di si; un caso che farà sicuramente discutere


Diritto vegan e scuola? Non è possibile che il Comune neghi il menu vegano al bambino della scuola dell’infanzia senza motivarlo. Accolto il ricorso al Tar di Bolzano di una mamma perchè l'ente elenca solo 4 opzioni alternative di liste di pietanze e non specifica le ragioni giuridiche del diniego.

Una decisione che farà senz'altro discutere perchè riguarda un tema sempre più scottante in quanto concerne il diritto o meno dei genitori di allevare i figli secondo un'alimentazione vegana che si va a scontrare con le prassi e le regolamentazioni di una società e delle istituzioni ancorate al valore delle diete tradizionali.

martedì 14 marzo 2017

I disturbi impulsivi-complusivi legati al Parkinson: lo studio


Le persone che soffrono di Parkinson spesso sviluppano nel tempo comportamenti impulsivi-compulsivi, come la dipendenza dal gioco d’azzardo, i disturbi dell’alimentazione o l’ipersessualità, che riducono ulteriormente la loro qualità della vita e quella della loro famiglia. A lungo si è pensato che questi disturbi fossero un effetto collaterale dei farmaci, ma uno studio pubblicato recentemente su Molecular Psychiatry, suggerisce al contrario che la loro origine è nelle alterazioni cerebrali dei circuiti di gratificazione, frutto del danno causato dalla malattia stessa. La scoperta è dei ricercatori dell’Unità di Neuroimaging Quantitativo dell’IRCCS Ospedale San Raffaele – una delle 18 strutture di eccellenza del Gruppo Ospedaliero San Donato – in collaborazione con l’Università di Belgrado, e apre la strada a nuovi strumenti predittivi che permetteranno di anticipare l’insorgenza di questi disturbi e intervenire con trattamenti tempestivi.

venerdì 3 marzo 2017

Il "super" cervelletto degli chef

Chef

Ricercatori Ibfm-Cnr, in collaborazione con la Federazione italiana cuochi, hanno analizzato per la prima volta, tramite risonanza magnetica e test neuropsicologici, il cervello degli head Chef, ovvero i capo cuochi. Ne emergono fenomeni di plasticità neurale e particolari abilità motorie e cognitive legati non tanto alla qualità dei loro piatti, ma piuttosto alla dimensione della brigata da coordinare in cucina.

lunedì 27 febbraio 2017

DNA: scoperte le basi molecolari dell'invecchiamento

DNA

Individuata per la prima volta da un team di ricercatori dell’IFOM di Milano una classe di molecole antisenso specifiche per bloccare i segnali che portano all’invecchiamento cellulare causato dal deterioramento dei telomeri. Lo studio, pubblicato oggi su Nature Communications, getta le basi per intervenire sull’invecchiamento cellulare in alcune patologie telomeriche, che comprendono la cirrosi epatica, fibrosi polmonare, diabete, osteoporosi e artrite, o in malattie rare come la progeria, caratterizzata da invecchiamento precoce. La ricerca è condotta da Fabrizio d’Adda di Fagagna, responsabile del programma IFOM Risposta al danno al DNA e senescenza cellulare e ricercatore presso l’Istituto di Genetica Molecolare del CNR.

giovedì 16 febbraio 2017

Cellule staminali; il ruolo strategico di vitamine e aminoacidi


Vitamine e aminoacidi rivestono un ruolo chiave nello sviluppo delle cellule staminali.
Il team internazionale guidato dai ricercatori dell’Igb-Cnr ha svelato l’importanza di questi metaboliti nel destino delle cellule staminali embrionali. La scoperta, pubblicata su Stem Cell Reports può portare a risvolti applicativi importanti in campo oncologico e nella medicina rigenerativa.

Vitamine e aminoacidi ricoprono un ruolo fondamentale nelle alterazioni epigenetiche, ossia nei meccanismi cellulari coinvolti nello sviluppo di malattie come il cancro. La scoperta, che promette risvolti applicativi in campo oncologico, arriva da un team internazionale coordinato dall’Istituto di genetica e biofisica 'A. Buzzati-Traverso' del Consiglio nazionale delle ricerche (Igb-Cnr) di Napoli, che ha coinvolto gli Istituti Cnr di chimica biomolecolare (Icb-Cnr) e di applicazioni del calcolo (Iac-Cnr), la Radboud University, Nijmegen (Olanda) e University of California, San Francisco (Usa). Lo studio è pubblicato sulla rivista Stem Cell Reports.

mercoledì 15 febbraio 2017

Gluten-free fai da te? No celiaco? Ahi! Ahi! Ahi!


Gluten-free una moda non priva di rischi per alcuni scienziati americani secondo i quali e dev’essere praticata solo in caso di necessità. Nei prodotti senza glutine infatti, si è registrata un maggior concentrazione di particelle potenzialmente dannose.

Da una ricerca condotta da un’equipe della School of Public Health dell'Università dell'Illinois a Chicago giungono degli esiti a dir poco significativi in relazione ai cibi per celiaci che esporrebbero gli abituali consumatori a livelli maggiori di metalli pesanti dai potenziali effetti tossici, come arsenico e mercurio.

lunedì 13 febbraio 2017

Più felici con lo sport


Il fitness e lo sport rendono l’uomo felice. A rivelarlo un recente studio dell’American Journal of Epidemiology che ha messo in evidenza come il praticare sport stimoli il cervello a produrre endorfine e serotonina con preziosi benefici sull’ umore. 

 Probabilmente molti, tra quelli che praticano sport, se ne sono già resi conto in prima persona: si entra in palestra stanchi e demotivati, annoiati dalla giornata lavorativa e dalle mille incombenze quotidiane, si pratica la propria routine di esercizi e…si diventa tutta un’altra persona. Il sorriso è tornato, così come l’energia. Un caso? Assolutamente no.

mercoledì 8 febbraio 2017

Psiconcologia Pediatrica - Gestire il bambino e la sua famiglia. Un testo per sensibilizzare e riflettere.


Riceviamo e pubblichiamo per informazione, la recensione del volume:
 "Psiconcologia Pediatrica - Gestire il bambino e la sua famiglia" 
di Danilo N. Selvaggio nella collana Strumenti di Edizioni Psiconline a cura della 
dott.ssa Ilaria Carbini (Psicologa). 

lunedì 6 febbraio 2017

Acrilamide nei cibi, occhio alla cottura!

Toast

La prima regola in alimentazione è quella di non abusare di nessun alimento. Di contro come diciamo spesso anche noi, "magiare di tutto un po'" è forse il metodo d'approccio migliore. Tuttavia alcuni alimenti, o meglio il metodo di cottura degli stessi, può favorire o meno la formazione di composti non proprio salutari, e qui è bene porre un poca di attenzione.

Nel mirino dei ricercatori questa volta, sono finiti due alimenti tanto comuni e tanto apprezzati quali il pane e le patate che possono causare danni alla nostra salute, e non parliamo del peso forma.

martedì 31 gennaio 2017

Parlate due lingue? Siete più protetti da demenza e Alzheimer

Insegna bilingue

I ricercatori dell’IRCCS Ospedale San Raffaele e dell’Università Vita-Salute San Raffaele hanno identificato le basi neurologiche grazie a cui il cervello delle persone bilingui è in grado di compensare i danni causati della malattia di Alzheimer Milano, 31 gennaio 2017 – Le persone bilingui risultano più protette contro la demenza di Alzheimer, che si manifesta in questi individui in età più avanzata e con sintomi meno intensi.