mercoledì 19 luglio 2017

La soia fa bene o fa male?


La soia fa bene o fa male?

Una domanda che merita sicuramente una risposta, perché gli alimenti che oggi possiamo trovare sugli scaffali dei supermercati a base di questo (per molti oscuro) legume, certamente non mancano. 

Chiaramente anche per la soia, come un po’ per tutte le “faccende” che rientrano nel campo medico-alimentare, i luoghi comuni e le dicerie sono dietro l'angolo. La risposta a questa domanda dovrà per forza di cose essere quindi rigorosa, razionale, argomentata, in definitiva scientifica.

Ma chi ci può fornire questa risposta, dove è possibile trovarla?

Semplicemente nel nuovissimo libro di Susanna Bramante, ovvero “La soia fa bene o fa male?”. Un testo che a mio avviso nonostante la scrupolosità della disamina, si presta anche come lettura estiva della serie “letture sotto l’ombrellone”, come del resto io mi son servito, anche perché un po’ di cultura storico-scientifica non fa mai male!

Nel testo non si potranno trovare solamente le argomentazioni che risponderanno in modo esaustivo alla domanda, ma come una piccola macchina del tempo ci si potrà lasciar trasportare in un viaggio storico-culturale alla ricerca delle origini della soia, dei suoi usi, della sua storia che non è unicamente alimentare.

Un arduo e complicato lavoro, quello che l’autrice è riuscita a esporre e chiarire in modo piacevole e curioso. Ma di chi si tratta?

Trattasi di Susanna Bramante, agronomo, divulgatrice scientifica e PhD in Produzioni Animali, Sanità e Igiene degli Alimenti nei Paesi a Clima Mediterraneo.

Si può andare sul sicuro quindi, le dicerie e le bufale da web non hanno appeal con lei. Ma in definitiva questa soia fa bene o fa male? Non mi dilungo troppo per non farvi perdere il gusto della lettura, se desiderate conoscere la risposta non vi resta altro che leggere il libro…






Nessun commento:

Posta un commento